Gestione della stanchezza

Quando la stanchezza diventa un problema serio, dapprima vanno eseguiti chiarimenti medici per escludere altre cause, come un disturbo del sonno con la conseguente sonnolenza durante il giorno. Se l'unica responsabile è la sclerosi multipla (SM), è necessario identificare il tipo di stanchezza per stabilire il da farsi. È importante eliminare i fattori che possono peggiorare la stanchezza, come un'infezione, lo stress e l'assunzione eccessiva di alcuni farmaci. Una farmacoterapia può sicuramente aiutare, ma altrettanto importanti sono le misure riabilitative. Lo stile di vita e le attività devono essere adattate alla situazione. Chi risparmia energie nelle attività di tutti i giorni come l'igiene personale, vestirsi o mangiare, conserva le sue forze per altre occupazioni.

La forma più frequente di stanchezza riscontrata nei malati di SM è quella cronica. Si tratta di una forma particolarmente sgradevole e probabilmente di origine biochimica, quindi può essere influenzata dai farmaci che agiscono sui processi chimici del cervello. Gli antidepressivi, per esempio, talvolta sono efficaci anche nei pazienti che non soffrono di depressione. La terapia contro la stanchezza quindi può includere, oltre al riposo, anche antidepressivi e altri farmaci stimolanti.

Attenzione: questi medicamenti non sono intercambiabili. Ciò che funziona in un malato magari non ha alcun effetto in un'altra persona. Il medico curante deve decidere individualmente quale farmaco impiegare e quando.

Inoltre, stanchezza non significa automaticamente debolezza: il riposo può essere benefico. Si dice che la stanchezza possa provocare una perdita di mielina, e che la malattia peggiori se non si ha sufficiente riposo; queste due affermazioni non sono assolutamente provate. Tuttavia, quello che generalmente succede è un peggioramento dei sintomi della SM, perciò i malati dovrebbero evitare sforzi eccessivi. Come sempre, bisogna trovare la giusta misura. Cerchi di ascoltare il suo corpo, non c'è bisogno di rifuggire automaticamente da ogni minimo sforzo.

In generale si può affermare che pause brevi e frequenti durante il giorno ed esercizi leggeri di irrobustimento muscolare possono avere effetti positivi. Altre tecniche specifiche aiutano a controllare la stanchezza, per esempio la gestione del tempo e dello stress, la definizione delle priorità, la pianificazione in anticipo delle attività e la semplificazione delle procedure lavorative. Alcune persone trovano giovamento nello yoga e nelle tecniche di meditazione.

Un bagno o una doccia fredda possono mitigare gli effetti della stanchezza, come un'areazione fresca (aria condizionata) quando fa caldo.